lunedì 13 febbraio 2017

Solo per carità Cristiana...

...ho accolto l'istanza del diretto interessato di eliminare il post 
su di lui, ma vi confermo: 

(alla mia rilettura, ho ricevuto 3 FORTI Segni di conferma)

Dica pure ciò che crede, sospinto dal terrore che possano colpire persone a lui molto care.

SULLA VERITA', IO NON SCENDO A PATTI.

Fino a poco tempo, fa, più d'uno ipotizzava che la persona in oggetto potesse essere il Comandante delle truppe di Maria Santissima (impavido nell'affrontare l'antipapa JMB). Evidentemente NON E' COSI, visto il disgustoso voltafaccia datato 8 febbraio 2017. Eccolo:

A TUTTI I MIEI CARI AMICI
Carissimi,
come è noto io non amo usare i social networks come cassa di risonanza di annunci e proclami. Ho sempre “abitato” questi moderni luoghi di comunicazione cercando di conservare (e chiedere agli altri) uno stile sacerdotale: semplicemente un luogo in cui condividere materiale apostolico perché fosse fruibile da chi lo ritenesse utile e fruttuoso per il bene della propria anima. Senza concedere che la bacheca diventasse sede di polemiche, discussioni o battibecchi stile talk show televisivo. Gli amministratori che le gestiscono hanno sempre avuto come indicazione di tutelare questo “stile”, intervenendo qualora ci fossero tentativi di disturbo.
Tuttavia, alcuni recenti eventi mi costringono a chiarire alcune mie posizioni, anche perché qualcuno, da qualche parte, ritiene di poter usare o, peggio, strumentalizzare la mia persona e il mio sacerdozio a fini che mi sono del tutto estranei. Ed è bene che chiarisca una volta per tutte, le mie idee, per il bene di tutti i miei amici e della Chiesa stessa.
1. Disapprovo e condanno senza “se” e senza “ma” anzitutto i vergognosi manifesti apparsi a Roma nei giorni scorsi oltraggiosi e inqualificabilmente offensivi nei confronti di Papa Francesco. Mi sono vergognato per chi ha potuto compiere un gesto del genere, che è comunque esecrabile qualunque siano le proprie personali idee o posizioni sulle linee di questo Pontificato. Oltraggiare un Pontefice è atto di gravità inqualificabile ed in nessun modo giustificabile.
2. Nei giorni scorsi è circolato sul web un mp3 contenente affermazioni gravi e non condivisibili su varie questioni. Mi è arrivata voce che qualcuno abbia insinuato essere attribuibile a me “con la voce contraffatta”. La mia voce è ben nota al mondo del web e qualunque becera insinuazione di questo tipo torna al mittente, sperando di non essere costretto ad usare mezzi di tutela (anche giudiziaria) per difendermi da tali infamanti calunnie e diffamazioni.
3. Alcuni cari confratelli sacerdoti, di cui ometto il nome per ovvie esigenze di carità, stanno intraprendendo stili, forme e contenuti di predicazione assolutamente fuori luogo e che io non condivido minimamente. E’ noto che il mio stile è sempre stato totalmente alieno da tali polemiche, insinuazioni o fantasiosi sproloqui. Ho sempre cercato semplicemente di parlare di Vangelo, di sana dottrina, di morale, di devozione e di vite di santi, senza attaccare nessuno, senza polemiche inutili e senza essere “contro” chicchessia, ma solo tentando di rendere un servizio ed una testimonianza alla verità per il bene di tutti. Prego dunque di non essere accostato o in nessun modo paragonato a chi avesse fatto scelte differenti, senz’altro umanamente rispettabili, ma a mio avviso del tutto inaccettabili.
4. Invito tutti i miei amici ad una estrema cautela e moderazione nel dare credito a rivelazioni private, profezie, annunci apocalittici di vario genere. Mi permetto di evidenziare che alcune delle cose che circolano sul web sono molto pericolose e non è a mio avviso prudente dar loro il minimo credito. Per quanto mi riguarda io credo che, qualunque cosa dovesse succedere (ammesso e non concesso che così sia), chi vive vicino ai sacramenti, chi prega con regolarità e devozione, chi osserva i comandamenti, chi rimane in comunione con la Chiesa e i suoi ministri, non ha e non può avere nulla da temere, avendo Dio sempre tutto sotto controllo. E non è certamente cosa buona o sensata starsi ad affliggere e a preoccupare per chissà quale evento, prossimo o remoto, debba accadere nella Chiesa e nel mondo. La Madonna a Fatima disse che col Rosario in mano (ben recitato) si possono fermare cataclismi, guerre e catastrofe naturali. Anziché perdere tempo e pace a indagare su improbabili futuri scenari, sarebbe assai meglio mettere in pratica questa salutare esortazione.
5. Infine mi professo fermamente, come sempre sono stato, figlio e ministro fedele e leale di santa Madre Chiesa Cattolica, intendendo con ciò riconoscere piena e legittima autorità su di essa a tutti i legittimi successori di Pietro e degli Apostoli, compresi evidentemente quelli attuali, con i quali è mio impegno e dovere conservare il sacro vincolo di comunione gerarchica con tutto ciò che esso comporta. Rinnovo la mia assoluta fedeltà alla Tradizione e al Magistero perenne e immutabile della Chiesa, che del resto ho sempre cercato, per quanto sta in me, di promuovere, difendere e diffondere.
Questo messaggio è stato scritto personalmente da me e contiene l’unico mio autentico e sincero pensiero. Chi non dovesse condividerlo (non vedo come possa essere possibile), è libero di rimuovermi dalle proprie amicizie. Ovviamente, come sempre, gli amministratori rimuoveranno immediatamente commenti polemici, offensivi o comunque inopportuni. La mia attività sui social continuerà, a Dio piacendo, ad andare avanti con il consueto stile costruttivo e propositivo lontano e al di fuori di ogni discussione o polemica…

Non provo rancore, per le sue parole offensive. Il rancore non è compatibile con le Ferite mistiche e il Segno oculare che indegnamente porto. Per cui dico: OREMUS. Sempre prevalga la Volontà di Dio. Su noi e su tutta l'umanità. Così sia.

Nessun commento:

Posta un commento